Le 6 Classi Antieffrazione Porte Blindate: Cosa Sono e Quale Scegliere

Se si è in procinto di istallare una porta blindata bisogna sapere che esistono diverse classi Antieffrazione. Queste si differenziano per grado, e ogni classe garantisce un diverso grado di sicurezza.

 

Andiamo a vedere insieme quali sono le classi Antieffrazione e quale può essere quella che più possa essere adatta alle vostre esigenze.

 

Cosa si intende con il termine effrazione?

L’effrazione è quell’azione che viene compiuta nel momento in cui si vanno a forzare sistemi di chiusura o dispositivi di sicurezza. Lo scopo dell’effrazione è la violazione di una qualsiasi proprietà per aggressioni o furti. Tale azione, ovviamente illegale, viene messa in atto mediante l’uso di attrezzatura per scasso o per forzare le serrature o altri dispositivi che vanno a garantire protezione contro le intrusioni di malintenzionati. Tra i dispositivi di sicurezza troviamo le porte blindate, la cassaforte, finestre, mobili.

 

Cosa sono le classi Antieffrazione delle porte blindate ?

Quando si parla di classe Antieffrazione si intende una classificazione che va a stabilire il grado di resistenza e sicurezza che una porta blindata va a garantire.

 

Non tutte le porte blindate sono uguali. Si differenziano non solo per il lato estetico, ma anche per il grado di sicurezza che vanno a garantire.

 

Sono state stabilite delle norme dalla Comunità Europea (CE) per quanto riguarda le porte di ingresso. Tali norme vanno a definire precisamente tutte le caratteristiche che una porta blindata deve avere, effettuando poi una suddivisione per quanto riguarda le classi di sicurezza. Si tratta della normativa europea riguardante le chiusure Antieffrazione, la UNI EN 1627-1628-1629-1630.

 

Essendo che si corre di continuo il rischio di effrazioni all’interno della propria abitazione, nel momento in cui si decide di istallare una porta blindata si deve anzitutto considerare il grado di sicurezza che si vuol garantire alla casa.

 

Proprio grazie alla possibilità di scegliere in base alla classificazione data dalla normativa europea vigente, si ci può affidare a prodotti certificati, controllati e qualificati. In questo modo si ha una maggiore affidabilità.

 

Quali sono le 6 Classi Antieffrazione?

Dalla normativa UNI ENV1627, in cui è appunto specificato il grado di resistenza che la porta blindata offre, arriva una classificazione divisa in 6 livelli. Questi livelli sono stati testati attraverso delle prove che vanno a simulare avvenimenti reali, come furto e scasso.

 

Classe 1

L’effrazione più bassa è proprio la classe 1. E questa classe va a offrire il minimo grado antieffrazione. Una porta dotata di classe uno può resistere al tentativo di scasso di uno scassinatore principiante.  Quindi va a resistere unicamente ai tentativi fatti tramite forza fisica, dunque spallate calci e così via.

 

Questo tipo di porta può essere adoperata in magazzini o cantine nelle quali troviamo oggetti conservati di minimo valore.

 

Classe 2

A differenza della classe 1, le porte blindate  dotate di classe II riescono a resistere anche ai tentativi di effrazione effettuati attraverso strumenti di uso comune , come ad esempio coltelli, cunei o piccole tenaglie.

 

Questa porta può essere adoperata in luoghi in cui il rischio è contenuto, come ad esempio in uffici e edifici industriali.

 

Classe 3

Con l’aumento della classe va ad aumentare anche il livello di sicurezza che una porta blindata garantisce.  Una porta blindata di terza classe riesce infatti a resistere anche a ladri più esperti che vanno ad utilizzare strumenti come  Cacciaviti o piedi di porco.

 

Si può andare ad adoperare in condomini in quanto non vi è la necessità di una sicurezza molto elevata.

 

Classe 4

Una porta blindata di quarta classe resiste ha ladri esperti che utilizzano seghe, accette, martelli, e trapani.

 

Tale porta si può adoperare in villette, case indipendenti o semi indipendenti o in condomini in cui il rischio è alto.

 

Classe 5

Le porte blindate di quinta classe assicurano un livello di sicurezza alto.

Riescono a porre resistenza a ladri con strumenti più avanzati, quali trapani, seghe a sciabola e mole ad angolo con 125 mm di diametro.

 

Queste porte vengono adoperate in luoghi che hanno bisogno di protezione alta, come gioiellerie, banche e orologerie.

 

Classe 6

Le porte blindate di sesta classe hanno il massimo livello di sicurezza.

 

Anche queste vanno a porre resistenza a ladri con strumenti più avanzati, quali trapani, seghe a sciabola e mole ad angolo con 230 mm di diametro.

 

Come le porte di classe 5, anche queste sono adatte a gioiellerie, banche ed orologerie.

 

E quale è la porta blindata adatta alla propria casa?

 

Tirando le somme.

 

Per un condomino o per una casa dipendente è opportuno l’utilizzo di una porta blindata di classe 4.

 

Le porte blindate riescono a durare nel tempo, in questo modo possono dare una sicurezza ad una persona per un lungo periodo, anche per 30 anni.

 

Ovviamente intercorre anche una differenza economica tra la classe 3 e la classe 4. Ma in qualunque caso si può usufruire di una detrazione del 65% per il risparmio energetico.  Vale a dire che dopo 10 anni si potrà recuperare gran parte dell’investimento effettuato. In questo modo si riesce ad usufruire di un ottimo comfort di una porta perfetta per moltissimi anni.

Come contattarci

Chiamaci al numero di Cell 375.5515284 

compila il modulo sottostante

Inviando il modulo dichiaro di aver preso visione dell’l’informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679 (“GDPR”)*